Informativa sull'utilizzo dei cookie (provvedimento 8 maggio 2014).

 

Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici, per i quali non è previsto il preventivo consenso degli utenti. Per informazioni dettagliate sui cookie consulta la nostra Cookie Policy.

100 miglia del Monviso - edizione 0 - Saluzzo (CN) - Venerdì 31/07/2020

MONVISO: LE MIE 100 MIGLIA DI EMOZIONI


Oggi ho capito perché quando piove non fa bello: stavo per bagnare l’orto e la vicina mi ha sconsigliato di farlo perché c’era il sole e con il sole non lo si deve fare! Per un po’ ho riflettuto sul fatto che però la pioggia scende anche di giorno, oltre che di notte, ed in quel momento ho avuto la felice intuizione: per non rovinare pomodori ed insalata prima di piovere si annuvola e fa brutto e, quindi, non piove (quasi) mai con il sole! …la saggezza della natura!

Tutto quanto sopra descritto non c’entra nulla con la 100 miglia del Monviso ma non sapevo a chi comunicare la brillante intuizione ed ho pensato di approfittare di voi che leggete queste storie.

“Duilio aveva il viso del grande saggio, di colui che di avventure di questo tipo ne ha vissute molte nella sua lunga carriera di resistente sportivo. La sua saggezza gli aveva consigliato prudenza e molte perplessità a fare parte dell’avventura ma poi ha prevalso la passione ed il desiderio di dare il suo contributo alla bisogna. Lui ed i suoi compagni seduti al bar sorbivano l’ultima birra in attesa dello scoccare dell’ora fatale. Li osservavo e pensavo all’entusiasmo con cui avevano aderito al progetto ed al coraggio di esserci nonostante fossero annunciate due giornate, con la loro notte, meteorologicamente impegnative. Atleti senza “nome” ma conoscitori delle fatiche necessarie per queste imprese.

Poco più in là, la stampa inseguiva gli atleti che avevano raggiunto nel tempo e con merito, la fama di Campioni. Altri atleti erano a me sconosciuti se non nei nomi indicati da Sensacugnisiun di nome e di fatto: non lo ringrazierò mai abbastanza per avermi fatto entrare in questo mondo. Un inconsapevole sorriso che evadeva dai confini del viso abitava il volto di Omar attorniato da alcuni compagni e, soprattutto, compagne d’avventura dalle quali emergeva un chiacchiericcio allegro ignaro della grande fatica in agguato. Solo Alessandro aveva dotato lo sguardo della espressione adeguata al faticoso appuntamento. C’erano tutti i protagonisti istituzionali riuniti sotto il tetto di Terres Monviso che l’impresa l’hanno pensata e lo sponsor, Bio Doc, che l’ha sostenuta. E dire che per l’organizzazione doveva essere semplicemente un numero zero, una prova da fare in sordina perché…saremo capaci poi a farlo sul serio?

Discorsi, informazioni e foto di gruppo per benedire l’evento urlato, però a basso volume, ai quattro venti e poi il via con distanziamento sociale garantito, se non dalla forza pubblica dalla differente forza atletica dei protagonisti. Due crucci abitavano, nell’ordine, i miei pensieri: ma che caldo fa! E, a seguire, sarà segnalato a sufficienza?

Abbandono la “location” della partenza e salgo a Pian Munè a verificare che tutto funzioni: Marta è una “macchina da guerra” e non lascia nulla al caso. Le luci dell’agognato ristoro sono visibili da Bric La Piata nella notte incombente. Dopo 4 ore e 5 minuti dalla partenza sono i frontalini di Marco, Paolo e Franco a illuminare il ristoro il cui addetto si prodiga in gentilezze gradite almeno quanto le libagioni messe a disposizione. La stanchezza non segna ancora l’espressione dei pionieri che giungono a gruppi con poco distacco. Alcuni silenti ed altri vocianti con prevalenza di una frequenza soprana femminile. Duilio saluta i compagni di avventura Renzo e Giovanni: aveva avuto le giuste sensazioni (negative) nei giorni precedenti ma…ogni singolo passo ed ogni goccia di sudore è utile alla causa ed allora, perché non esserci? Per gli altri l’avventura prosegue.

Un primo allarme giunge dalla regia di Wedosport che segnala due rilevatori satellitari fuori percorso e individuati a Paesana! Il pericolo cessa subito quando viene segnalato che Elisa e Virginia hanno comunicato alla partenza che avrebbero percorso solo dei tratti ed in quel momento erano a casa di Elisa a fare una prima doccia: fortunatamente i Tracker utilizzati non erano dotati di telecamera!

Dopo il passaggio di Roberto e Simone (7 ore e 20 minuti), sorprendentemente veloci anche a causa dell’impossibilità di individuare spazzatura sul percorso causa l’oscurità notturna, mi sposto alla “base vita” di Ostana. Nel frattempo mi giunge voce che in Borgata Serre di Oncino un gruppo non organizzato e neppure previsto di “Mappets” locali sta festeggiando i transiti a suon di campanacci offrendo, ma soprattutto, bevendo il nettare che genera filosofia e rende leggere le notti. Grandiosi!!! Penso quanto sarebbe bello se tutte le borgate alpine seguissero il loro esempio!

Giungo ad Ostana ben dopo il passaggio di Marco e Paolo (transitati dopo 6 ore e 56 minuti) e mi comunicano che Franco ha dovuto abbandonare. Di recente ha stabilito il nuovo record sul Monte Rosa ed anche le gambe dei Campioni hanno bisogno di recupero e riposo.

Sono, però, in tempo per seguire gli altri transiti: il caldo e l’umidità notturna sono davvero opprimenti ed il volto di Gianluca e Massimo quando raggiungono la base dopo 8 ore e 45 minuti lo testimonia in modo evidente. Passa un'ora ed il passo felpato di Marina e Daniela varca la soglia della “location”. Le attende un capace massaggiatore che cerca di dare sollievo ai viandanti con sagge manovre su schiene, glutei, gambe e quant’altro il corpo umano possa offrire. Rimango colpito da come massaggiando i muscoli capisse che c’era disidratazione ed occorresse bere…

Il sorriso che trabocca di Omar giunge 5 minuti dopo ma l’espressione è un po’ così: parrà strano ma il freddo gli consiglia di coricarsi e coprirsi per recuperare. Pochi minuti e Mirko giunge in compagnia di Gianluca l’altro. Capisco che questo sport genera solidarietà e crea nuove amicizie. A proposito di coppie: dopo 11 ore e 30 minuti un vociare con prevalente frequenza soprana femminile annuncia l’arrivo di Maddy e Daniele. Il massaggiatore prosegue la sua pia opera e Josè procura altre brandine per il giusto riposo dei viandanti. Alessandro giunge in solitaria dopo 11 ore e 35 minuti precedendo di 10 minuti Renzo e Giovanni.  Ancora poco e dopo 12 ore nette giungono Roberto e Simone: nonostante le tenebre qualche rifiuto è stato raccolto e viene posato su una panca. Solerte Josè vorrebbe provvedere allo smaltimento differenziato ma Roberto lo ferma per rendere testimonianza, tramite capace foto, del (magro) bottino.

Le brandine “allettano” il gruppo intento a recuperare le forze. Scende il silenzio nella base vita. Noto che il riposo di Giovanni è turbato dalla coperta mal posizionata e, con gesto materno, provvedo a rimboccare il tutto. La notte agOstana è poetica. La luna piena illumina la vetta del Re di pietra e tutto è magia…solo quel vociare con prevalente frequenza soprana femminile irrompe talvolta a risvegliare la quiete.

Sta per spuntare l’aurora ed il gruppo, in ordine sparso, riprende il cammino. Alessandro mi segnala, con sguardo e parole, la sua difficoltà a proseguire. “Portami a Saluzzo dove ho l’auto”. Il volto è davvero stanco e non solo quello. Aderisco all’invito e carico il suo zaino in auto poi…il colpo di scena. Il richiamo della foresta gli consiglia di proseguire e, recuperato lo zaino, si rimette in cammino.

Solitario affronto il viaggio fino a Casteldelfino dove è prevista un’altra base vita. L’auto talvolta sbanda per segnalare che una sosta per il sonno anche per me non sarebbe fuori luogo però… mi attendono gli atleti e per loro lo sforzo è maggiore del mio.

Raggiungo la destinazione con ampio margine per ragionare sulla evoluzione del test. La rete internet è precaria e non è possibile seguire agevolmente il Live di Wedosport. Peraltro i Tracker incontrano difficoltà a segnalare la posizione causa le pareti rocciose che caratterizzano la parte alta del giro del Monviso. Sembrano tutti fermi a Buco di Viso ma…non è così.

Dopo 14 ore e 35 minuti arriva Marco. Segnala qualche difficoltà ad individuare il tracciato a Grange Gheit e ciò mi provoca qualche preoccupazione. Abbiamo fornito GPX e Road Map ma…i percorsi non sono mai sufficientemente segnalati! La stanchezza, poi, rende più difficile tutto. Prosegue accompagnato da due atleti della Podistica Valle Varaita con il compito di indicare la retta via. Proviamo ad affidare loro qualche fettuccia da applicare qua e là…

Paolo giunge dopo 20 minuti e racconta di una profonda crisi passata sulla salita a Buco di Viso. Si misura per la prima volta in questa disciplina densa di incognite per lui. L’incontro con Marco, Monica e Pier in quota gli ha ridato energie e pare rinfrancato. Il sorriso c’è in un volto scavato di fatica. Prosegue sperando che anche per lui ci sia un Angelo Custode che lo guidi per sentieri sconosciuti.

Alessandro ha dovuto arrendersi a Crissolo dopo avere tentato l’impossibile. Intanto Omar segnala il suo ritiro che avviene a Grange Gheit. Giunge alla base vita dispiaciuto ma il sorriso non abbandona il suo volto: il caldo e l’umidità sono avversari aggiuntivi e peggiori dei 165 chilometri e 7500 metri di dislivello!

E’ Massimo a transitare alla base vita dopo 17 ore e 38 minuti: solo per quelli come me è una sorpresa, in quel mondo vanta fama di grande atleta resistente e veloce.

Gianluca “Sensacugnisiun” impiega 19 ore e 15 minuti. E’ lui che ha costruito la squadra degli specialisti. Un punto di riferimento per il settore ma anche per lui è il momento della saggia decisione di lasciare.

Dopo 20 ore e 25 minuti la coppia femminile Marina e Daniela appare sulla scalinata che conduce alla sosta. Esperienza da vendere per le due campionesse che, reintegrate le forze, proseguono il buon cammino.

Le notizie frammentate che giungono a Casteldelfino segnalano i ritiri a Buco di Viso di Renzo, Giovanni e Roberto. Il caldo fino alle alte quote determina situazioni che consigliano saggiamente l’abbandono.

20 ore e 50 minuti sono trascorse dal via quando giungono Mirko e Gianluca (l’altro).  Il primo augura buon proseguimento al secondo e decide saggiamente di porre termine alla sua prova. La consapevolezza, assieme alla forza ed alla resistenza sono gli strumenti indispensabili del mestiere.

Passo il tempo conversando amabilmente con il Sindaco di Casteldelfino ed il redivivo Omar ed insieme progettiamo il futuro della Uisp nazionale e della intera Valle Varaita… intanto tre “pie donne” implorano notizie sui propri amori ancora dispersi sui monti tra Vallanta e Grange Gheit: non ci resta che attendere!

Ho sonno ed anche il crono ha finito le batterie. Tento un riposino ma un vociare con prevalente frequenza soprana femminile annuncia l’arrivo di una coppia di atleti, o meglio, di una singola atleta in quanto Daniele ha posto fine alle proprie sofferenze al Rifugio Vallanta. Come farà a parlare anche se è sola? Arriva, vispa come non avesse mai corso Maddy ed è decisa a proseguire l’avventura. Mi racconta del Maremmano che a Bagnur bramava le sue chiappe…palato fine la bestia! La guardo e mi è difficile comunicarle che per questioni di sicurezza non l’avremmo lasciata proseguire, specie in solitudine, per altre 15/16 ore di camminata. Capisce, Maddy e ciò mi consola. La sua voce con prevalente frequenza soprana femminile mi terrà compagnia fino all’arrivo di Simone, anche lui in grado di proseguire ma fermato dal mio invito e dallo sguardo implorante di Roberta, la mamma. Roberto, il papà, dopo essersi ripreso, avrebbe voluto accompagnarlo lui nella (lunga) parte finale ma… di “Sensacugnisiun” ne abbiamo già uno. Basta e, “minca tanto”, avanza!

E’ ora, anche per me, di tornare a casa non senza leggere i messaggi del gruppo che segue l’evolversi della situazione: in viaggio riscontro il ritiro di Daniela e Marina al Colle del Prete, l’arrivo solitario di Marco a Saluzzo dopo 23 ore e 30 minuti. Anche Paolo assaggia il sapore del suo successo personale dopo 25 ore e 40 minuti. Massimo con passo sapiente ha gestito al meglio le sue indubbie qualità sancite dalla terza posizione quando erano passate 28 ore e 54 minuti dalla sua partenza avvenuta alle 17,15 del giorno precedente.

Solo di Forrest Gump Gianluca (l’altro) non avevo notizie. Sapevo del suo girovagare al Colle del Prete, del suo incontro con la pioggia ristoratrice ma anche con la sua caparbietà nel volere arrivare. Giorgio è stato il suo Angelo custode nei chilometri finali: lo ha atteso, sostenuto ed accompagnato fino a che dopo 34 ore e 40 minuti la Capitale del Marchesato lo ha accolto tra le sue braccia. Questo, però, l’ho scoperto il mattino successivo: il sonno mi ha vinto!

Personaggi e interpreti (in ordine di apparizione): Duilio Chiri, Sensacugnisiun Gianluca Barbero, Omar Riccardi, Alessandro Nibbio, Marco De Gasperi, Paolo Bert, Franco Collè, Renzo Paschetto, Giovanni Poetto, Elisa Desco, Virginia Turini, Roberto Cavallo, Simone Cavallo, Massimo Vanzetti, Marina Plavan, Daniela Bonnet, Rossetti Mirko, Forrest Gump Gianluca Bertolotti, Maddy Maddalena Lanzilotti e Daniele Giacalone: GRAZIE A TUTTI!


05/08/2020 Carlo Degiovanni