Informativa sull'utilizzo dei cookie (provvedimento 8 maggio 2014).

 

Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici, per i quali non è previsto il preventivo consenso degli utenti. Per informazioni dettagliate sui cookie consulta la nostra Cookie Policy.

Devil skyrace - Valbondione (BG) - Domenica 06/09/2020

Seconda edizione Devil skyrace 2020 Campionato nazionale CSEN outdoor di skyrace

Dominio Rwandese e Italiano con Niyirora Primitive e Ghiano Gianluca I campioni nazionali sono Guerini e Ghiano

Domenica 6 settembre Valbondione 900 m s.l.m. provincia di Bergamo.

I dati tecnici di questa skyrace bergamasca parlano chiaro dislivello in salita 2.560 metri, dislivello in discesa 1.510 per un tracciato di 26 km con il gpm puntato al Pizzo del Diavolo della Malgina a quota 2.926 metri sul livello del mare, e il diavolo del pizzo ci ha messo pure le corna con nuvole basse e scrosci di pioggia quindi una sfida podistica in alta quota dalla tecnicità altissima. La partenza dei 160 iscritti è avvenuta alle ore 8,30 dalla casa Corti di Valbondione ed è stata coordinata dal comitato Tre Laghi Tre Rifugi, dallo staff del rifugio Curò e dal team Serim seguendo alla lettera le direttive dettate dagli organi sportivi competenti per la salvaguardia della salute in materia anti Covid. La skyrace ha avuto due facce, al maschile è stata una vibrante contesa tra l’italiano Ghiano Gianluca e il Rwandese Simukeka Jean Baptiste, i due fino alle ultime fasi di gara si sono rincorsi senza risparmio e soltanto nel finale la freschezza atletica di Ghiano ha avuto il sopravvento. Discorso diverso per la skyrace femminile che ha visto un netto predominio africano, nei primi chilometri di gara la campionessa mondiale di corsa in montagna la keniana in forza al team Serim by Autocogliati, Zenithal e Racer, Murigi Luky Wanbui ha preso decisamente il comando, a tallonarla erano le sue tre compagne del team Serim le rwandesi Musabyeyezu Adeline, Niyirora Primitive e l’Etiope Tegegn Addisalem Belay. Con il passare dei km la fatica si fà padrona di chi ha poca dimestichezza con le discese tecniche e la skyrace rosa ha avuto un bel sussulto e con la solita timidezza ha tagliato per prima il traguardo la rwandese Niyirora Primitive con il tempo di 3h45’50” argento per la compagna di team Murigi Lucy Wambui 3h51’38” bronzo e titolo nazionale di CSEN outdoor di skyrace per Guerini Moira team Tornado 3h52’17” quarta Gelpi Paola team La Sportiva 4h05’26” quinta Musabyeyezu Adeline 4h10’12” sesta Pedroni Cecilia team Serim 4h12’56”settima Zanotti Giulia 4h31’07” ottava Tegegn Addisalem Belay 4h50’53” nona Galli Chiara team Gaaren Beahero 4h53’28” decima Arrigoni Giuliana Serim 4h58’12”. Trionfo e titolo nazionale di skyrace CSEN outdoor per Ghiano Gianluca team Tornado 3h10’01” secondo Simukeka Jean Baptiste team Serim 3h19’32” terzo Mazzocchi Davide 3h27’03” quarto Rota Andrea O.S.A. Valmadrera 3h28’56” quinto Noris Alessandro GAV-Scais 3038 crono 3h30’24” sesto Poli Paolo La Recastello Radici Group 3h32’04” settimo Belinghieri Clemente team Serim 3h32’23” ottavo Milesi Ivan Erock team 3h36’08” nono Marchesi Marco 3h37’59” decimo Morettini Gav Vertova 3h39’04”.

 

Curò 1100 Vertical

Ore 10,30 sempre dalla casa vacanze Corti di Valbondione è partito il primo vertical Curò 1100 e come è specificato nella denominazione l’arrivo è stato posizionato presso il rifugio Antonio Curò a 1.915 metri s.l.m.

Identica la regia dell’ascesa con il comitato Tre Laghi Tre Rifugio il personale del rifugio Curò e il team Serim, stringenti sono state le raccomandazioni degli organizzatori per il rispetto delle norme anti Covid per i settanta corridori classificati compreso la sindaca di Valbondione Riccardi Romina. Dopo 8 km di percorso con il muro finale dello scarico ha vinto l’orobico Matteo Bonzi crono 54’47” argento per Barbeni Massimo Recastello Radici Group 55’30” bronzo per Zani Manuel G.S. Orobie. Nella contesa femminile ha primeggiato Serena Angela Atletica Valchiese 1h08’42” argento per Bianchi Beatrice Atletica Casazza 1h12’19” e terza Cavalli Giovanna 1h12’19” atletica Paratico.


07/09/2020 Giorgio Serim