Informativa sull'utilizzo dei cookie (provvedimento 8 maggio 2014).

 

Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici, per i quali non è previsto il preventivo consenso degli utenti. Per informazioni dettagliate sui cookie consulta la nostra Cookie Policy.

Bellagio Skyrace - Bellagio (CO) - Domenica 21/10/2018

Dal Rwanda al monte San Primo due continenti uniti da Niyirora Prmitive e Simukeka Jean Baptiste

Argento per Dragomir e Minoggio Pedroni Cecilia conquista Italy Series Nei top Bert Belinghieri e Rota

Bellagio Como 21 ottobre 2018 km 28,5 d+ 1.850 metri. Dopo i successi nella ZACup si riconfermano nella classicissima Lariana i Rwandesi Niyirora Primitive e Simukeka Jean Baptiste. La skyrace di Bellagio è stata la finale del circuito Italy Series ISF e quarta prova del circuito Lombardia take your time Serim organizzato da Valetudo-Serim by Racer con il patrocinio di CSEN outdoor. In Rwanda come in Kenia non esiste lo skyrunning e allora sorge spontanea una domanda: come mai questi atleti, in pochi mesi, si adattano anche a correre lo skyrunning con risultati strabilianti? Provo a rispondere a questa domanda! L’atleta africano più esperto sulle nostre montagne è senza dubbio Simukeka, Jean Baptiste è già un po' di anni che si cimenta nelle gare in Italia su strada e in montagna con risultati eccellenti infatti l’anno scorso dopo una stagione agonistica intensa è riuscito pure a vincere la maratona di Reggio Emila. In questo corrente anno Simukeka si è perfettamente calato nei panni dello skyrunner andando a trionfare in gare prestigiose come la Resegup, la Valchiavenna skyrace, la half della Veia, la mezza maratona in montagna della Rampigada, la ZACup e per ultima la Bellagio skyrace, dopo appena sette giorni dalla bella prestazione nella maratona internazionale di Sofia in Bulgaria. Questo sergente dell’esercito Rwandese è un po' il capitano delle gare outdoor per i suoi compagni Africani, Jean mette volentieri a disposizione la sua competenza tecnica e tattica ma soprattutto insegna come prima cosa ad essere umili, rigorosi nella preparazione atletica e nella conduzione alimentare ed infine ha una grande capacità di far breccia nella parte psicologica della persona organizzando un’ordine mentale da far invidia alle menti più meticolose. Queste doti umane di Jean Baptiste hanno permesso alla giovane Niyirora, Primitive non essendo mai stata in Italia e non avendo la più pallida idea di cosa fosse la corsa in montagna e tantomeno cosa fosse lo skyrunning, con una solo lingua a disposizione il Rwandese, in poche gare, si posso contare sulle dita delle nostre mani; si è ritagliata uno spazio vincente e cosi grazie alle sue due ultime vittorie scoppiettanti alla Zacup e alla Bellagio skyrace è riuscita ad arrivare già ai vertici dello skyrunning internazionale. Un’ultima annotazione e non di poco conto! Questi atleti africani, Rwandesi e Kenioti si dividono equamente tra di loro i premi vinti alle gare, questo fatto sicuramente colloca questi ragazzi e ragazze su un piano mentale eccelso sia a livello sportivo che in quello umano. Valetudo-Serim alla Bellagio skyrace oltre ai risultati dei suoi atleti africani ha avuto soddisfazioni eccellenti partendo dai due argenti conquistati dalla campionessa Rumena Denisa Dragomir e dal campione italiano di skyrunning 2018 l’incontenibile Minoggio Cristian, citazione particolare anche per Cecilia Pedroni che con il settimo posto di Bellagio conquista il titolo di miglior atleta femmina nella classifica di combinata Italy Series della federazione internazionale di skyrunning. Segue nella classifica femminile 17 Arrigoni Giuliana, nella maschile seguono: 5 il campione piemontese Bert Paolo, 10 Belinghieri Clemente, 12 Rota Luca, 25 Imberti Mattia, 38 Monti Floriano, 39 Benvenuti Fabio, 60 Acquistapace Alfredo. Un ringraziamento per l’organizzazione della Bellagio skyrace, half marathon e VK a Franco Sancassani e al suo staff di volontari.


22/10/2018 Cronaca di  GiorgioVS